Se ti sei deciso/a ad aprire un e-commerce la prima cosa che ti sarai sicuramente chiesto è: “va bene, mi sono deciso ma come si fa ad aprire un e-commerce?”

Ti sembra una sfida impossibile? Tranquillo non sei solo!

Quando ho iniziato la prima prima attività di commercio elettronico ero per lo più una ragazzina, appena diplomata e con (tante) conoscenze di ragioneria/economia ma ben poche del mondo legato al commercio elettronico, web marketinge e comunicazione. Ho fatto tutti gli errori possibili ma, solo grazie ad essi ho capito quali sono le reali strategie e prassi da adottare.

Per aiutarti ad evitare gli stessi errori (per altro costosi) che ho fatto, voglio condividere con te la metodologia step-by-step per avviare un negozio di e-commerce di successo.

Passo # 1 – Trovare una nicchia redditizia

L’errore più grande che ho fatto e che, putroppo, ancora in molti continuano a compiere, è pensare di poter vendere qualsiasi cosa. E, errore ancor più grave, aprire la partita iva ed il negozio ancor prima di aver chiaro cosa vendere.

Se pensi di fare questo mi dispiace dirti che, almeno che tu non abbia enormi (ma davvero grandi) budget da investire in pubblicita e comunicazione o tu abbia la possibilità di avere un’approvigionamento della merce a prezzi super concorrenziali…..parti già in perdita.

Vendi quello che ti piace e che ti appassiona. Scegli un prodotto che conosci e di cui sei appassionato.


L’attività imprenditoriale è già difficile e richiede apprendimento..
non complicarti la vita vendendo qualcosa che non ti piace e di cui sei all’oscuro.

Fai un elenco di tutte le cose che ti piacciono, quelle che utilizzi nei tuoi hobby e nelle tue attività quotidiane

Se sei appassionato di sport invernali ed in particolare di snowboard potresti iniziare con un negozio e-commerce in questa nicchia. Puoi vendere di tutto, dalle tavole agli scarponi, occhiali, caschi, guanti, giacche e altre cose legate allo snowboard.

Potresti addirittura affinare ancor di più la tua nicchia e pensare, ad esempio, di vendere solo tavole da Snowboard (e oggetti collegati) personalizzabili oppure eco-compatibili.

Se vuoi un esempio di idea vincente legata ad un passione, pensa a Tony Hawk di BirdHouse.

Fai un’indagine online, sfrutta Google  Suggest e Google Trends per capire anche cosa la gente cerca e affinare la tua nicchia.

Intervista le persone, pensa di cosa i tuoi amici e coetanei si lamentano. Se di tanto in tanto si lamentano qualcosa, forse queste persone hanno bisogno di una soluzione che potresti fornirgli proprio tu con il tuo e-commerce.

Anche la minima insoddisfazione di prodotti o degli attuali distributori è un segno che c’è bisogno di qualcosa che può essere migliorato…una nicchia che potresti sfruttare.

Fatti delle domande

Molto spesso l’idea e l’intuizione giusta arrivano grazie ad un indagine e analisi. Spesso approfondire e chiedere alle persone è la soluzione migliore. Prova a chidere:

  1. Quali sono le cose che si desidera acquistare on-line in questo momento?
  2. Quali sono le tue più grandi sfide in questo momento [in quella nicchia]?
  3. C’è qualcosa che acquistandolo potrebbe migliorare la tua situazione?
  4. Quali sono i prodotti più difficili da reperire e perchè?
  5. C’è qualcosa che il fornitore che attualmente usi non ti offre? Cosa manca nel loro servizio?

Le risposte a queste domande potrebbero darti una buona idea di ciò che le persone stanno cercando di acquistare.

Di cosa si lamentano le persone nei social media. Consulta le rensioni dei post, analizza i vari canali Facebook e LinkedIn, partecipa e interagisci con le comunità Google+, Reddit, Quora, forum, etc.


Il tuo obiettivo finale qui deve essere quello di scoprire
il problema più grande che le persone hanno  nella nicchia che hai scelto.
Solo così saprai cosa offrire loro.

Per esempio:

Immagina di avere un vicino che spesso si lamenta perchè il suo gatto fa sempre pipì sul pavimento in casa. Per risolvere il suo problema il tuo vicino potrebbe essere interessato ad acquistare una lettiera unitamente a della sabbietta che trattiene gli odori, che dura a lungo e che magari sia smaltibile come rifiuto umido. E ancora, per convinvere il suo gattino ad utilizzare questa “toilet”, potrebbe essere interessato anche ad una lozione da lettiera utile per addestrare il gatto al suo utilizzo.

Controlla gli oggetti più venduti su Amazon

Un ulteriore strumento che hai a disposizione (e che a suo tempo io non avevo) è quello di rivedere i prodotti più venduti nei due maggiori siti di e-commerce. Amazon ed eBay.

Per capire di cosa parlo e sufficiente fare una prova. Vai su Amazon Beste Seller e, supponiamo di voler approfondire la categoria dedicata al Giardino e Giardinaggio. In questo momento il prdotto (o comunque i prodotti più popolari) sono i kit di ortaggi stravaganti e i kit per piantare ortaggi e bonsai. Lo avresti mai detto?

 

Passo # 2 – Analizza le opportunità che il mercato offre

Una volta che avrai trovato un potenziale prodotto da poter trattare è fondamentale capire se c’è abbastanza richiesta di mercato.

Qui ci sono alcuni modi per determinare la dimensione del mercato e la sua redditività.

Puro sfruttare lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google che ti permette di conoscere il volume di richiesta e ricerca per quello specifico prodotto in una determianta località geografica. Se ci sono diverse migliaia di avg. ricerche mensili..probabilmente sei sulla strada giusta.

Per esempio: se stai cercando di vendere fotocamere digitali nel Regno Unito, questo è il risultato delle ricerce:

Il tutto può essere fatto specificando la ricerca e cercando di utilizzare la giusta combinazione di parole chiave. E’ possibile fare una ricerca combinata come provare a vedere quali siano i risultati migliori.

Ad esempio, nel caso del vicino di casa che ha problemi con il gatto, viene ricercata maggiormente una lettiera autopulente oppure una lettiera chiusa. O ancora una sabbietta ecologica o economica in granuli?

Tutto questo ti deve servire per affinare la ricerca in modo da poter offrire solo i prodotti che il mercato richiede e con il minor numero di concorrenza.

Non solo Google

Questi non sono gli unici strumenti che puoi utilizzare in quanto è possibile sfruttare anche il tool per la creazione di annunci di Facebook come Google Trend e anche i risultati delle ricerche statistiche come quelli elaborati da Nielsen.

Su Facebook, per intercettare l’interesse della gente è sufficiente creare un nuovo annuncio pubblicitario e, in fase di definizione del targhet, identificare pubblico e parole chiave che pensi possa essere interessato al tuo prodotto ad esempio “fotocamere digitali” e “GoPro” che vivono nel Regno Unito.

Il potenziale portata ci mostra grande opportunità di mercato: 820.000 persone interessati a questi prodotti.

Passo # 3 –  Definire i target di clientela

Non cercare di vendere a chiunque. La maggior parte delle persone non sono interessate ai tuoi prodotti e non potranno mai acquistare da voi (anche se hanno i soldi).

Concentrati invece sulla ricerca di persone che hanno effettivamente bisogno del tuo prodotto e che sono disposti a tutto pur di averlo.

Conosci e individua il targhet giusto per il tuo e-commerce e cerca di capire se il “Buyer Persona” collegato al tuo prodotto è qualcuno che poi effettivamente potrà acquistarlo online.

Se il tuo cliente ideale, in base al prodotto che vendi è un anziano tra i 70 e gli 80 anni…prima di aprire il tuo negozio chiediti se il tuo targhet di riferimento acquistarebbe mai online il prodotto che sta cercando. Prova a vedere piuttosto se è possibile che l’acquisto venga fatto da un familiare.

Crea una rappresentazione reale del tuo possibile clienti. Poniti alcune domande:

Quali sono le caratteristiche demografiche? (Età, sesso, luogo di residenza, etc.)
Quali sono i modelli di comportamento? (Come agiscono nell’ambiente in situazioni diverse?)
Quali sono le loro motivazioni di base e gli obiettivi?
Quali sono le più grandi sfide / problemi nella tua nicchia?
Perché vorrebbero acquistare i tuoi prodotti? Che bisogni possono soddisfare acquistandoli?

Per esempio :  Se vendi actioncam GoPro, la tua “Buyer Persona” potrebbe essere simile a questa:

Avventuroso, 15-25 anni, di sesso maschine che ama filmare se stesso mentre pratica snowboard. Le sue motivazioni principali sono di condividere le sue avventure su YouTube per far vedere agli amici ciò che sa fare ma anche per trovare sponsor e poter vivere grazie ad una carriera sportiva. Vuole comprare una GoPro per riprendere le sue avventure da posizioni estreme. Queta è una cosa che solo GoPro gli permette di fare e che nessun’altro tipo di macchina fotograficha gli permetterebbe di realizzare.

L’ideale è quello di realizzare più “Buyer Persona” cercando di immedesimarsi nel possibile acquirente. Parlando sempre delle GoPro potresti pensare ad un sub piuttosto che un cacciatore o uno stunt-man.

La cosa importante da fare è anche quella di stimare il valore che il tuo cliente ha. Capire quanti soldi guadagna e quindi quanti se ne puà permettere di spendere per i suoi hobby.

Tutto questo ti permetterà di prevedere in anticipo quale dovrà essere la fascia di prezzo che il tuo negozio dovrà adottare o comunque il termine entro il quale potresti rientrare dagli investimenti.

Passo # 4 –  Pianifica ogni cosa : fai un Business Plan

Pensare di aprire un e-commerce senza aver un Business Plan è come pensare di costrurire una casa senza avere nemmeno un progetto.

Un business plan è fondamentale per lo sviluppo della tabella di marcia e per avere il quadro delle idee, degli step e degli investimenti da sostenere per un business di successo.

Un business plan per un business online dovrebbe comprendere sia la parte finanziare, fondamentale per lo sviluppo, sia la parte di marketing e  della pubblicità. Con il Business Plan dovresti inoltre prevedere (sia con un piano A che un piano di “riserva” B), quella che sarà la strada da seguire per il tuo successo.

Sarà la tua scaletta operativa che ti permetterà, se bene fatta e seguita, di aver chiaro in ogni momento, in quale direzione stai andando e, di conseguenza correggere, se serve “il tiro”.

Passo # 5 –  Apri la tua partita iva

Una volta che avrai chiari tutti questi fondamentali aspetti potrai passare all’aspetto “operativo” ossia aprire la partita iva per e-commerce.

Quello che bisogna fare per aprire una partita iva è compilare il modello AA9/12 (per le ditte individuali) e presentarlo all’Agenzia delle Entrate. Puoi farlo con raccomandata A/R, utilizzando la procedura “Fiscoonline” o servendoti di un intermediario abilitato (un commercialista o CAAF abilitato).

Lo step successivo è quello fose più “dolente” ovvero scegliere il regime fiscale da adottare che potrebbe essere:

  • ordinario (soggetto a IRPEF, studi di settore e quant’altro);
  • agevolato (con una tassazione al 5% o 15% ma con dei limiti);

Quando avrai chiaro quale regime fiscale utilizzare (ti consiglio di farti seguire da un bravo commercialista), in fase di apertura dovrai scegliere il codice ATECOFIN che serve ad identificare cosa fa la tua azienda.

L’ideale, per il commercio elettronico,  è il codice 47.91.10 (Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet).

Mi raccomando, in fase di apertura della partita iva, richiedi che sia abilitata alle operazioni commerciali con altri paesi della comunità europea. Chiedi quindi di essere iscritto nel Registro VIES.

Passo # 6 –  Attiva una casella di posta elettronica PEC

Questo passo, per la verità, va di pari passo con quello precedente.

Una casella PEC è oltre che obbligatoria per legge, anche fondamentale perchè ti permette di mantenere i rapporti con la pubblica amministrazione il più snello e semplici possibili. Potrai inoltre utilizzare questo canale per ricevere eventuali comunicazioni (o inviare) che normalmente avresti inviato tramite posta raccomandata.

Passo # 7 –  Presenta la SCIA al tuo comune

Per aprire un e-commerce una delle comunicazioni obbligatorie da fare è la SCIA ovvero Segnalazione Certificata Inizio Attività che va utilizzata sia in fase di avvio che di modifica o eventuale chiusura di un’attività.

Questa va presentata al comune in cui intendi porre la sede operativa del tuo e-commerce (fai attenzione perchè molto spesso sede legale e operativa non coincidono).

Sono molti i comuni che danno la possibilità di adempiere a questo obbligo attraverso i canali web o appunto l’invio del modello per mezzo PEC.

Passo # 8 –  Iscriviti al Registro delle Imprese

La procedura per avviare un e-commerce come vedi non è delle più semplici ma, tranquillo, siamo quasi giunti al termine.

Il passo successivo è quello di iscriversi alla competente Camera di Commercio presentando la Comunicazione Unica (ComUnica) che serve per assolvere tutti gli adempimenti richiesti dai vari enti..una soluzione pratica e veloce.

Con questa unica comunicazione potrai infatti:

  • Iscriverti al Registro delle Imprese;
  • Presentare la SCIA al competente ufficio SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive);
  • Iscriverti all’INPS;

L’icrizione alla Camera di Commercio ha un costo che sono parti:

  • diritti di segreteria annuali € 18,00;
  • diritto camerale annuale € 57,00;
  • marca da bollo € 17,50;

Passo # 9 –  Acquisire la matricola INPS

Come avrai capito per avviare un e-commerce è necessario essere iscritti all’INPS.

Le ditte individuali sono soggette alla Gestione IVS per Commercianti e Artigiani e devono versare contributi fissi annuali per circa € 3,600 (più l’eventuale quota aggiuntiva).

In base al regime scelto o al fatto di avere un contratto come lavoratori dipendenti (di almeno 26 ore settimanali) è possibile beneficiare di uno sconto o di un esonero.

Passo # 10 –  Crea il tuo e-commerce e inizia a vendere

Ora che hai espletato tutte le pratiche fiscali, burocratiche e amministrative sei ufficialmente pronto per costruire il tuo e-commerce e iniziare a vendere online!

Ti consiglio di scegliere una buona piattaforma che ti possa consentire in qualsiasi momento di apliare il tuo negozio, di sostenere alti regimi di vendita e un flusso sostenuto di visitatori. Dal canto mio posso consigliarti la scelta migliore..Wordpress + WooCommerce!

Hai qualche ulteriore suggerimento su come avviare un negozio di e-commerce di successo?

Condividi i tuoi pensieri qui di seguito. 🙂

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

0

Start typing and press Enter to search